Migranti: sui barconi sale la classe media, i più poveri non si spostano

“Sembra un paradosso, ma non sono i più poveri della terra a rischiare la vita sui barconi. Se si escludono i Paesi afflitti dalle guerre, i 100 milioni di migranti che nel mondo si sono spostati negli ultimi 25 anni, provengono dalla classe media. Le persone emigrano dai Paesi dove il reddito consente di affrontare le spese di viaggio. Allora quando diciamo che i migranti vanno aiutati a casa loro abbiamo chiaro in testa il «come»? Perché il rischio è di ottenere il risultato contrario.”

A questo link potete continuare la lettura dell’articolo di Milena Gabanelli e Simona Ravizza comparso sul sito del Corriere della Sera il 13 maggio 2019.